apple store

Guaguanco o salsa

Guauanco o Salsa ? Storia del Son-Guaguanco!
( fonte LASALSAVIVE.ORG )

Guaguanco o Salsa? Storia del Son-Guaguanco!

Ultimamente con il ritorno sulle scene della salsa classica molti si sono accorti di un genere chiamato semplicemente “Guaguanco”che ritorna spesso nei testi di moltissimi pezzi,soprattutto degli anni ’60.
Per spiegare la sua storia e vedere come negli anni questo genere si sia evoluto in molteplici direzioni,in paesi come Puerto Rico o in città come New York, faremo un passo indietro nei primi anni ’40 a Cuba.
Esistono due Guaguanco nella isla grande,il primo appartenente al complesso generico della Rumba e il secondo appartenente al complesso generico del Son. Quest’ultimo nasce nei primi anni ’40 ad opera del più importante rinnovatore della musica cubana: Arsenio Rodriguez.
Arsenio introdusse proprio in quel periodo (1940) le congas all’interno della formazione classica di Son:il Conjunto.

Arsenio Rodriguez

Tra i ritmi che videro la luce inizialmente ci furono il Son Montuno,l’Afro Son e il Son Guaguanco.
La Rumba Guaguanco,con la classica clave 3/2 con il terzo colpo spostato sul levare del quattro non fu diffusa e popolare fino alla fine degli anni ’50,al contrario il Guaguanco piu’popolare fu proprio quello di Arsenio Rodriguez.

Ma vediamo le differenze tra i due.

Il Son Guaguanco è basicamente un Son,con la classica clave 3/2 o 2/3,che utilizza i bongos negli anni ’30 e successivamente,a partire dagli anni ’40,le congas (in comune con la Rumba Guaguanco);si caratterizza per l’introduzione chiamata “Diana”che è tipica della Rumba e la possiamo riconoscere per il canto melodico derivato dalla musica Andalusa,con il tipico intro “la le lo lay,le lo lay”!
Si tratta questo di un riferimento ovviamente cantato all’inizio del pezzo,ma poi il brano scorre come un normale Son,si utilizzano il Tres,i Bongos,Maracas e Guiro e gli strumenti a fiato,di solito 4 trombe.
Il piano accompagna l’inizio del canto “Diana”con un arpeggio caratteristico a ottave parallele e che tutti hanno sentito almeno una volta nei brani di Salsa.
Il tempo di esecuzione è quello tradizionale del Son,mentre le congas richiamano a volte alcune forme utilizzate nella Rumba,soprattutto nella prima parte.
Si tratta come vedete di un omaggio al folklore “nero”di Cuba che Arsenio ha voluto mettere nel “bianco”Son.
Il Son Guaguanco ottenne un buon successo in breve tempo,anche se non al livello del Son Montuno,che invece invase tutto il Caribe e gli Stati Uniti.
Arsenio,cieco per un incidente quando era ancora bambino,decise alla fine degli anni ’40 di trasferirsi a New York,dove sperava di curare la sua malattia.
Arrivato negli Stati Uniti intorno al 1950,scoprì suo malgrado che nessuno avrebbe potuto ridargli la vista,ma sicuramente il suo arrivo portò tutta la sua genialità nel comporre musica e creare nuovi ritmi.
La sua Hay fuego en el 23 divenne in breve tempo un grandissimo successo,ancora oggi uno degli standard universali della Salsa!

Il successo pero’non gli fu decretato subito,Arsenio arriva in pieno boom di Latin Jazz,Mambo e Cha Cha Cha,suonate da enormi Big Band come quelle di Beny Morè,Machito,Tito Puente e Tito Rodriguez.
Il suono del suo Conjunto tradizionale era fuori tempo per quel periodo…oppure,(e il tempo gli darà ragione) troppo avanti!
Il Son Guaguanco a Cuba rimase ancora attuale per qualche anno,grazie al conjunto Chapottin,grande trombettista che eredita tutta la band di Arsenio,che era partito da solo per la sua avventura americana,(suonava infatti a New York con un gruppo portoricano),ma la sua storia a Cuba finisce alla fine degli anni ’50,quando la “Revolucion”fa sparire ogni riferimento alle Big Band americane e le forme folkloriche tradizionali cubane come la Rumba,rifanno la loro comparsa imponendo l’autentico Guaguanco folklorico.
Come spesso accade,alcune forme artistiche nate in un posto si trasformano continuando a vivere di nuova linfa altrove.
E’il caso del Danzon in Messico o del Bolero in America Latina o del Mambo a New York! Proprio qui nella Grande Mela,passato il boom del Mambo,del Cha Cha Cha e dopo la fugace apparizione della Pachanga che ebbe i suoi momenti di gloria dal 1960 al 1963,il Son Guaguanco divenne un punto di riferimento per tutti quelli che non vollero piegarsi al successo del Latin Soul,nelle sue varie forme di Boogaloo e Shing A Ling.
Ovviamente non poteva rimanere nella sua forma originaria,troppo lenta e priva di arrangiamenti sofisticati.
A trasformarla e a renderla appetibile ci pensarono Tito Puente e soprattutto Tito Rodriguez. Si cambiò la base sostituendo il Son con la Guaracha,ritmicamente molto più veloce,mantenendo però la “Diana”e gli altri riferimenti “Afro”della versione originale ed arrangiandola in chiave Jazz!
Con Tito Rodriguez si fa anche piu’marcato l’uso della figura ritmica della cascara,che sostituisce quella classica del Son,con la campana Bongò.
La cascara (figura ritmica che troviamo nella Rumba) sarà una delle caratteristiche del nuovo Guaguanco.
Il successo arrivò subito e travolse Puerto Rico,dove la splendida voce di Tito Rodriguez ebbe la meglio sulle percussioni del grande Tito Puente.

Tutti i gruppi dell’epoca nella Grande Mela ne furono influenzati tanto da far nascere l’etichetta di NEW YORK GUAGUANCO.

A Puerto Rico però si ebbe la più importante variazione del nuovo genere:alcuni gruppi,intorno al 1965-66 tra cui Mon Rivera,Richie Ray e Bobby Cruz,aggiunsero al nuovo Guaguanco alcuni ritmi del folklore portoricano,come il ritmo Jala Jala o il Sicà fondendolo assieme ai nuovi arrangiamenti provenienti dalla Grande Mela,come il Soul e il Rhythm and Blues.

Di fatto questa “mezcla”qualche anno più tardi avrebbe preso il nome di Salsa,ecco perchè molti chiamavano a Puerto Rico Guaguanco,quello che a New York chiamavano Salsa! La fine del genere viene decretato proprio dalla Salsa,che con nuovi suoni e ritmi (tra cui la Rumba Guaguanco) amplia quella fusione musicale che aveva reso celebre il N.Y. Guaguanco. A Puerto Rico comunque viene registrata l’ultima perla del genere ad opera del grande Roberto Roena in un bellissimo disco del 1977:
La Octava Maravilla (Fania INT 914)

In questo splendido disco troviamo l’ultima fusione,il Guaguanco con la musica brasiliana,come nel meraviglioso brano Rico Guaguanco dove si fondono la Samba con i suoi strumenti tipici come la “Cuica”o il “Berimbau”,con il Guaguanco.

This website uses cookies.